martedì 8 aprile 2014

Giappone si, Corea no!



A breve distanza gli uni dagli altri convivono, nello spazio Tortona Around Design due ambienti molto diversi tra loro. La Samsung ogni anno si presenta con un grande spazio espositivo (Spazio Zegna, via Savona 56) che punta tutto, almeno a leggere le loro presentazioni, sul futuro tecnologico che ci aspetta. In realtà l'allestimento è a dir poco deludente, se sulla carta l'idea di partire dagli elettrodomestici di oggi per arrivare a quelli del futuro funziona, una volta messa in pratica dimostra la sua inconsistenza e anche se l'ambiente risulta curato e ben illuminato il visitatore si trova poco coinvolto dall'esperienza.
L'interazione con la tecnologia è marginale e non funzionale alla presentazione dell'idea, visto che il risultato del nostro "futuro tecnologico" rimane fin troppo oscuro.




Di altra spessore lo spazio Tokyo Imagine (Padiglione Visconti via Tortona 58), la pluralità di espositori sicuramente favorisce l'affluenza di pubblico e la voglia dello stesso di restare ed relazionarsi con gli espositori presenti. Lo spazio espositivo segue le peculiarità del paese orientale ed unisce a più riprese oggetti tradizionali con elementi fortemente tecnologici. In questo caso però la tecnologia non è fine a se stessa e l'interazione, per quanto riferita ad un pubblico di età più bassa, è sicuramente più coinvolgente. 
Vi segnalo tre aspetti che mi hanno particolarmente colpito, il grande murales chiamato Tokyo Skytree, dove lo studio TeamLab ha realizzato un'accurata rappresentazione della capitale nipponica.
Le lampade OLED da tavolo Tampopo realizzate dal designer Inoue Takao che utilizzano una batteria di cellulare come sorgenti di alimentazione.
Ed infine lo spazio per la degustazione di sushi e sakè, dove il cibo giapponese per antonomasia è stato servito all'interno di uno piccolo padiglione la cui facciata è stata studiata e realizzata dall'universtià Kogukuin di Tokyo ed ha vinto l'ASIA AWARD 2013 The school of Asia Grand prix.





Nessun commento: