martedì 25 febbraio 2014

Scuola Elementare a Senago


Il tema dell'edilizia scolastica è negli ultimi tempi tornato prepotentemente di attualità nei dibattiti politici italiani, anche se la nostra carenza sotto questo aspetto è preoccupante. Le scuole italiane sono, nella maggior parte dei casi, edifici vecchi, pensati per numeri e servizi diversi e fortemente dispersivi da un punto di vista energetico. Intervenire sul patrimonio edilizio scolastico, oltre che doveroso per i motivi citati precedentemente, potrebbe anche ridare impulso al mondo edile che ha accusato la crisi più di altri settori. 
Per legarmi a questa riflessione vi propongo il progetto di un ampliamento per una scuola elementare in provincia di Milano e più precisamente a Senago; il concorso di progettazione è stato bandito nel 2002 e la realizzazione risale al 2005.
Lo studio milanese GSMM Architetti si è aggiudicato il bando con un progetto che prevede un'unica costruzione articolata in due volumi distinti funzionalmente e con altezze differenti; il primo volume contiene al piano terra la mensa con gli spazi di servizio annessi e al piano superiore dei laboratori. Il secondo volume ospita la palestra con gli spogliatoi ed i servizi. 
Il nuovo corpo segna una discontinuità con il costruito precedente dichiarando la propria contemporaneità e proponendosi come supporto alla vegetazione circostante. Gli elementi aggettanti e l'utilizzo della lamiera stirata sottolineano ulteriormente il contrasto con l'edilizia precedente.
Il progetto e la successiva costruzione puntano tutto sulla pulizia formale e funzionale dei volumi e degli spazi creando un oggetto architettonico bello e inusuale per l'edilizia scolastica italiana. 












Nessun commento: