giovedì 12 dicembre 2013

New Canary Wharf


La zona di Canary Wharf è da anni soggetta ad interventi di recupero e riqualificazione urbana, in questo contesto si inserisce il progetto di masterplan di oltre nove ettari di estensione che comprende un utilizzo misto di residenze, spazi commerciali e uffici.
All'interno di questa nuova estensione urbana di Londra si mouve il progetto per un grattacielo ad uso residenziale di 56 piani disegnato da Herzog & de Meuron. L'edificio segue le linee progettuali già percorse in occasione del grattacielo in Leonard Street a New York, senza aggiungere niente di architettonicamente eclatante ma sviluppando il concetto del blocco residenziale sovrapposto su una pianta circolare.
I lavori sull'area dovrebbero iniziare entro la fine del 2014 e la conclusione del primo edificio del complesso è prevista per il 2017. La coppia di architetti svizzeri andrà così ad aggiungere un altro edificio sulle sponde del Tamigi dopo la celebre Tate Modern.

PS Herzog & de Meuron hanno finalmente messo online un proprio sito internet.

martedì 10 dicembre 2013

Lampada RGB


Il designer russo Taras Sgibnev ha sviluppato una lampada interattiva che unendo rosso, verde e blu riesce a modificare la propria emissione luminosa creando un ampio spettro di colori.
Il processo utilizzato è del tutto simile a quello della conversione digitale del colore, ogni gradazione è data dall'unione in varie quantità del rosso, verde e blu (RGB); tre siringhe sospese sotto la lampada sono connesse al corpo centrale attraverso tubi trasparenti dove l'utente può letteralmente vedere l'inchiostro entrare ed uscire dalla lampada.
I tre tubi sono connessi ad un microprocessore Arduino che controlla l'immissione di colore e permette di cambiare gradualmente le tonalità della lampada. L'interattività e l'immediatezza visiva della lampada sono di grande impatto come potete vedere nel video sopra.

venerdì 6 dicembre 2013

La casa della settimana: Victorian post office


Quando un collezionista d'arte ti chiede di riconvertire un vecchio ufficio postale di epoca vittoriana nella sua casa, un architetto ha due possibili risultati: creare un piccolo capolavoro o cambiare mestiere.
Lo studio 1508 London direi che è riuscito ad ottenere il primo esito disegnando uno spazio di grande impatto visivo ma allo stesso tempo con un'atmosfera casalinga.
Gli ampi volumi a doppia altezza incidono sulle zone giorno con lo scopo di permettere l'esposizione di grandi opere d'arte che si alternano nella casa di un collezionista. 
Gli spazi di servizio e quelli più privati, sono invece raggruppati insieme e disposti su due livelli.
Il cuore della casa è rivestito in cemento e acciaio corten, in particolare le camere al piano superiore hanno le partizioni realizzate in pannelli di cemento forato ed apribile; questo permette di affacciarsi sugli spazi giorno sottostanti ma allo stesso tempo garantisce la necessaria privacy agli ambienti notte.
Lo spazio di collegamento verticale è risolto invece attraverso il corten che garantisce una percezione maggiormente "calda" degli ambienti, enfatizzata anche dall'illuminazione.

martedì 3 dicembre 2013

Pink Street


Dallo scorso settembre la Rua Nova do Carvalho, a Lisbona, è più famosa col nome di Pink Street. Infatti dopo un esperimento temporaneo del dicembre 2011 tutta la via è stata oggetto di un piano di riqualificazione che ha nell'aspetto cromatico il suo punto di forza.
Questa strada, già collocata di un quartiere commerciale, è diventata nel volgere di poche settimane un punto di riferimento per tutta Lisbona. Il progetto seguito dallo studio Josè Adriao Arquitectos, aveva lo scopo di far riappropriare dello spazio pubblico i cittadini, nello specifico sono stati lasciati inalterati i marciapiedi mentre la carreggiata stradale è stata dipinta di rosa con lo scopo far percepire nuovamente questo spazio come area pubblica.
Lungo la strada sono stati inoltre installati otto pannelli espositivi che possono essere usati come spazi per mostre temporanee o semplicemente per segnalare eventi del quartiere; i pannelli, nel caso fossero vuoti, sono pensati per essere usati anche come ulteriore illuminazione.
Un bel progetto di riqualificazione urbana che ha puntato più sulle idee che su un budget stellare.