venerdì 29 novembre 2013

De Rotterdam video mapping


Il 21 novembre scorso è stato inaugurato il nuovo grattacielo progettato da OMA a Rotterdam, che si chiama appunto De Rotterdam. Per celebrare il nuovo oggetto architettonico della città è stato organizzato uno show utilizzando il processo del video mapping e realizzando la più grande proiezione di questo tipo mai fatta in Europa. Il progetto si chiama A15 Project, nonostante le dimensione e la forza visiva dell'opera non è certamente uno dei video mapping più belli che siano passati dal blog, ma valeva comunque la pena segnalarlo.


mercoledì 27 novembre 2013

La casa della settimana: Loft a Bruxelles


Un vecchio edificio industriale a Bruxelles è stato riconvertito ad abitazione dallo studio belga adn Architectures annullando il colore interno ed esaltando il cemento armato della struttura preesistente.
L'ambiente una volta svuotato completamente si presentava come un parallelepipedo con due fronti totalmente ciechi e due fronti finestrati; il volume è stato suddiviso grazie a due elementi verticali che raccolgono al proprio interno i servizi igenici e al piano di sopra gli spazi più intimi come la camera e lo studio. 
Le scale che collegano il piano terra al primo sono tanto essenziali quanto belle, infatti sono composte esclusivamente da una lamiera metallica ripiegata su se stessa, così da creare le alzate e le pedate della rampa.
Il lato lungo cieco è stato attrezzato con una armadiatura a tutta altezza che riprende come colore e finitura le due strutture verticali, è stato infatti usato il metallo come materiale e questo, attraverso una foratura più o meno fitta, riesce a far passare luce ed aria negli ambienti al primo piano.
I due volumi verticali riescono così a dividere gli ambienti al piano terra, creando lo spazio della cucina, quello della sala da pranzo ed infine quello del soggiorno.
La cura nel dettaglio, sia nelle strutture che negli arredi ha premesso di creare un'ambiente semplice e lineare anche se forse troppo asettico; le immagini sono sempre diurne, ma spero vivamente che l'illuminazione dia un maggior tocco di calore agli ambienti.

martedì 26 novembre 2013

Concorso Nobel Center



Continuiamo a parlare di concorsi ed in particolare di concorsi nel nord Europa, sono infatti stati annunciati i risultati della prima fase del bando di progettazione per il nuovo Nobel Center di Stoccolma.
Degli undici progetti presentati ne sono stati selezionati tre per la seconda fase che terminerà entro aprile del 2014, i finalisti sono David Chipperfield, Johan Celsing e Wingardhs.
Nelle immagini che vi propongo potete trovare i progetti partecipanti (sopra il Arcipelago di Lundgaard and Tranberg Arkitekter); la giuria ha sicuramente cercato un'architettura tradizionale senza volersi spingere troppo in là con scelte più contemporanee, i tre progetti finalisti non mi entusiasmano, l'unico che sembra avere qualcosa in più da dire sul piano del linguaggio architettonico è la proposta dello studio Wingardhs chiamata A P(a)lace to Enjoy.
Trovo invece molto povero il progetto di Johan Celsing chiamato A Room and a Half, che invece di essere datato 2013 sembra uscito da un libro razionalista.
Qui potete trovare anche i commenti della giuria.

lunedì 18 novembre 2013

Torre sul porto di Aarhus


Settimana scorsa vi avevo fatto vedere il progetto realizzato dallo studio BIG per il punto di osservazione sul porto di Aarhus; in realtà il concorso è stato vinto dal progetto da un altro gruppo di progettazione sempre origniario della Danimarca vale a dire Dorte Mandrup arkitekter.
La torre prende la forma di un origami che si protende sull'acqua del porto, pensata interamente in lastre di acciaio a richiamare ulteriormente il mondo navale.
Una scala collega il piano terra con la sommità del punto di osservazione posto a 7,5 metri di altezza per permettere di godere della vista sul porto e sul centro della città.
La giuria ha motivato la scelta sostenendo che la torre sarà in grado di diventare un'icona nell'area del porto e per tutta la Aarhus. 
Rispetto al progetto di BIG viene meno la possibilità di usufruire della struttura anche dalle persone diversamente abili ed inoltre sembra sicuramente qualcosa di già visto sia nella forma che nella scelta dei materiali.
 

giovedì 14 novembre 2013

Le lampade di Freyja Sewell


La designer Freyja Sewell, con studio a Londra, ha realizzato tre bellissime lampade, tanto semplici quanto d'impatto, dove il colore e la luce sono al centro del processo creativo.
La prima creazione si chiama HUSH SHADE e nasce dagli scarti del feltro utilizzato dalla designer per una seduta, qui il bulbo della lampadina viene parzialmente coperto dal tessuto che permette di indirizzare e modulare la luce. Il rosso del filo elettrico di collegamento è poi ripreso dalla cucitura che chiude la forma della lampada.
Il feltro viene utilizzato anche per HAVEN la seconda lampada, questa utilizza lo stesso linguaggio stilistico della precedente ma è pensata per un punto luce centrale, sopra un tavolo ad esempio. 
La terza ed ultima lampada è la DITTO, questa è composta da uno specchio ramato, un specchio unidirezionale, la lampadina ed un asta di legno. Il bulbo della lampadina, Sewell ha sempre utilizzato le bellissime lampadine Plumen, viene riflesso dalle doppie superfici specchianti andando così a moltiplicare la sorgente luminosa. L'asta di legno permette di decidere se ottenere una lampada da tavolo o una pendente.

martedì 12 novembre 2013

Watch Flower



E' recentemente uscito il progetto presentato da BIG per il concorso ad inviti bandito dalla municipalità di Aarhus, ovvero la seconda città più popolosa della Danimarca e futura Capitale europea della cultura nel 2017.
Il concorso prevedeva di realizzare un punto di osservazione situato sul porto della città, lo studio danese ha pensato ad un percorso tridimensionale che si attorciglia su se stesso fino a raggiungere i 155 metri di lunghezza. Il progetto è stata battezzato Watch Flower, questo perché la forma che assume è proprio quella di un fiore ed inoltre riprende la metafora della crescita verso il cielo.
Le rampe della struttura sono tutte percorribili da persone diversamente abili ed il percorso permette di arrivare fino ad un'altezza di 7,5 metri; ogni curva cambia il punto di vista dell'visitatore che così riesce ad ottenere prospettive uniche sulla centro storico di Aarhus e sulle acque del suo porto.
 Come sempre gli schemi di concept di BIG sono chiarissimi e fanno capire immediatamente l'idea e come questa si è sviluppata, molto efficace per la comprensione del progetto anche il bellissimo modello in metallo saldato; resta il dubbio intorno alla realizzazione delle opere dello studio, che non sempre risultano efficaci come in fase progettuale.

mercoledì 6 novembre 2013

Pochette di legno




Unire un materiale mai accostato alla moda con uno degli accessori femminili più ricercati, è questa l'idea che fa nascere le pochette di legno della coppia Tesler+Mendelovitch.
Questi designer israeliani hanno realizzato una linea di borse utilizzando varie essenze di legno come rivestimento, sfruttando il ridotto spessore per modellare le forme ed incidere la superficie come a formare delle piegature sulla carta. Ogni pezzo è fatto a mano solamente a seguito di un'ordinazione, potete acquistarle qui.