mercoledì 10 luglio 2013

UN city


Lo studio danese 3xn ha recentemente ultimato il nuovo palazzo per le Nazioni Unite a Copenhagen, che è andato ad accogliere tutti gli uffici precedentemente sparsi per la città.
Situato su un isola artificiale che si affaccia sul porto della capitale danese, l'edificio risulta ben visibile sia dalla città che dall'acqua; la sua pianta a stella ad otto punte crea  diversi punti di vista sulla struttura che appare sempre diversa agli occhi di un visitatore, in base a dove questo ci si approccia.
Il basamento del complesso di uffici è trattato in acciaio brunito a richiamare l'aspetto rugginoso delle banchine del porto, continuando la metafora portuale i volumi superiori hanno una finitura, sempre in metallo, ma bianca, che evoca le navi dei mari del nord.
I moduli della facciata sono rivestiti da elementi in alluminio preforato sviluppati direttamente dallo studio e pensati specificatamente per la UN City; questi regolano l'entrata della luce solare senza bloccare la vista sull'esterno. Inoltre la loro divisione in moduli permette ad ogni dipendente di regolare dal proprio computer la permeabilità dell'elemento e quindi di variare la facciata costantemente.
L'aspetto rigoroso e algido dell'esterno contrasta con il punto d'intersezione della stella che va a creare una piazza interna, vero cuore di tutto il progetto. In questo punto sono concentrati gli accessi dall'esterno ed inoltre si trova una scalinata scultorea che serve da collegamento verticale ma anche da passerella orizzontale per le varie punte della stella.
Il nero lucido che riveste la scala cattura su di se tutta l'attenzione, illuminato dalla luce che piove dall'alto dentro lo spazio, i riflessi e le forme sinuose della struttura aumentano il senso di astrazione della struttura che sembra richiamare i lavori del Piranesi.










Nessun commento: