mercoledì 6 marzo 2013

Vieux Port Pavillion


Marsiglia ha iniziato negli scorsi anni un grande piano di recupero delle aree portuali che aveva come target il 2013, anno nel quale la città rappresenta la capitale europea della cultura. Durante questo percorso di avvicinamento molti grandi architetti hanno messo la propria firma sul fronte portuale della città francese, Zaha Hadid, Stefano Boeri, Rudy Ricciotti e anche Norman Foster, con l'opera che vedete in questo post, cioè il Vieux Port Pavillion.
Questo padiglione per eventi appare molto semplice, infatti è costituito esclusivamente da una copertura piana  di 46 per 22 metri, sorretta da pilastri, il suo tratto caratteristico è il materiale, l'edificio è stato realizzato in acciaio molto riflettente andando così a creare un vero e proprio specchio.
La sua superficie riflette il contesto portuale ma soprattutto le persone che lo vivono, lo spazio vuole ricongiungere la città al porto andando ad incentivare gli scambi ed il traffico tra queste due realtà. Il profilo della copertura è stato ridotto al minimo per diminuire l'impatto visivo.
L'opera non può non far venire in mente il lavoro di Anish Kapoor realizzato a Chicago, infatti la Cloud Gate sembra un riferimento nemmeno troppo velato da parte di Foster + Partners.







Nessun commento: