venerdì 31 agosto 2012

Padiglione russo - Biennale 2012


In tutte le Biennali a cui sono stato il padiglione russo mi ha sempre lasciato piuttosto deluso, non ho mai riscontrato un particolare apporto creativo e spesso era un insieme confuso di progetti senza un filo conduttore.
Le immagini del padiglione 2012 sembrano cambiare la situazione; l'esposizione è stata affidata a SPEECH Techoban / Kuznetsov ed illustra il Centro di Innovazione di Strolkovo che coinvolge numerosi architetti di fama internazionale (Chipperfield, SANAA, OMA, Herzog & De Meuron, Boeri).
Visto che la quantità di informazioni sul Centro non era compatibile con gli spazi del padiglione è stato pensato di utilizzare i QR Codes per poter contenere tutti i progetti.
All'entrata sono disponibili dei tablet che permettono al visitatore di scansionare i codice ed ottenere le informazioni desiderate. Il risultato è interessante sia dal punto di vista formale, infatti gli spazi allestiti, anche grazie all'illuminazione, sono di forte impatto; sia dal punto di vista concettuale, la condensazione e la fruizione delle informazioni è al giorno d'oggi un tema spesso oggetto di dibattito.

mercoledì 29 agosto 2012

Hadid alla Biennale


Da oggi è aperta al pubblico la biennale di architettura di Venezia (si concluderà il 25 novembre), in queste immagini si vede l'allestimento realizzato da Zaha Hadid all'interno dell'Arsenale.
E' stato creato un enorme imbuto metallico al centro dello spazio, circondato da modelli astratti di edifici e strutture.
Lo stile dell'architetto si distingue da subito...

martedì 28 agosto 2012

Casa nella pineta


Questo intervento, realizzato a Marina di Castagneto Carducci, va a riqualificare un edificio degli anni '60 senza particolari pregi architettonici.
Massimo Fiorido e sundaymorning puntano sulla forte interazione tra esterno ed interno, tra la pineta e gli spazi della casa. Le forme rispecchiano l'edificio pre-esistente che è stato semplificato nei materiali, è stato utilizzato infatti il travertino per i rivestimenti sia esterni che interni ed il teak per le superfici orizzontali, senza soluzione di continuità tra esterno ed interno.
La casa si inserisce armonicamente nella pineta e questa viene percepita in maniera ogni volta diversa grazie alle varie aperture; lo sviluppo interno dell'abitazione ricorda per alcuni aspetti l'architettura organica, visto che gli ambienti sono collegati tra di loro senza limiti precisi e creano un continuo unico con una spiccata orizzontalità degli spazi.

martedì 7 agosto 2012

Coca-Cola Pavilion


Il Coca-Cola Beatbox è un padiglione temporaneo realizzato all'interno dell'Olimpic Park di Londra; il progetto di Pernilla e Asif è un esperimento di fusione tra architettura, musica e tecnologia con lo scopo di creare un'esperienza sensoriale unica.
La struttura si comporta come un vero e proprio strumento musicale che permette al visitatore di remixare la canzone "Move to the beat" passando all'interno del padiglione.
L'oggetto risulta particolarmente suggestivo nella sua versione notturna quando si coloro dei classici colori della bevanda americana, le varie lame che compongono il padiglione sono infatti dotate di illuminazione al LED integrata che le rende completamente luminose.

lunedì 6 agosto 2012

Parco Olimpico Lego


250.000 pezzi di lego e circa 300 ore di lavoro per assemblare una versione in miniatura del parco olimpico di Londra comprensivo di tutte le strutture presenti. Warren Elsmore e sua moglie hanno costruito il tutto per un peso complessivo di 80 kg e un costo di circa 300.000 dollari, voi godetevi le immagini.

mercoledì 1 agosto 2012

Milano, social housing in legno



Il progetto sviluppato dallo studio Rossi Prodi Associati per l'intervento di social housing in via Cenni a Milano ha come fulcro i concetti di "comunità" e "sostenibilità". I 124 alloggi saranno di tipologie e dimensioni diverse in modo da rispondere a varie esigenze ed incentivare il mix sociale degli abitanti: ci saranno da monolocali a quadrilocali composti da zona giorno ed un numero variabile di camere. Lo spazio pubblico intorno a cui si svilupperanno gli edifici è un'area verde che ha lo scopo di diventare luogo di aggregazione per la comunità di v. Cenni e per l'intero quartiere circostante. Il progetto prevede anche alcuni spazi di servizio collettivi come una grande living room ed un' utensileria che nel concetto già sperimentato nel cohousing avranno scopo funzionale e di coesione sociale. Per incentivare la crescita della comunità è inoltre prevista una figura che gestisca e coordini le attività che saranno promosse e attuate dai "cittadini attivi" che avranno anche l'opportunità di scegliere altre funzioni da inserire nel progetto come lavanderie, hobby room, banca del tempo ecc. La tipologia costruttiva utilizzata è struttura portante in legno (metodo x-lam) su basamento in cemento armato. Gli alloggi saranno certificati in classe energetica A e l'energia necessaria sarà prodotta da un impianto di cogenerazione. Un intervento che ha davvero alla base il concetto della sostenibilità, sia sociale che ambientale e che darà l'opportunità ai suoi abitanti di sperimentare un nuovo modo di "vivere Milano".