mercoledì 7 luglio 2010

Auto-Defense

Questo progetto ideato dall'architetto Stephane Malka si inserisce in quello che ormai è diventato un simbolo di Parigi, l'arco della Defense.
Questi moduli vanno a colmare parte del vuoto centrale dell'edificio, come delle superfetazioni della parete laterale si propagano nello spazio già esistente; la composizione modulare consente una crescita armoniosa tra architettura e comunità che la vive.
Il nuovo spazio abitativo è pensato per ospitare gli strati più deboli della popolazione, dal sito dell'architetto si può leggere "Una sacca di resistenza attiva creato per accogliere gli scontenti, questo atto di guerriglia architettura si propone di dirottare il "grande arco di fraternità." Unire gli abbandonati, gli emarginati, i rifugiati, i manifestanti, dei dissidenti, hippies, gli utopisti e gli apolidi di tutti i tipi."




Nessun commento: